Caccia dall’altana in Toscana

  • dormire a montaione
  • poste di caccia al cinghiale
  • caccia dall'altana
  • veduta altana
  • cinghiale
  • caprioli
  • segugio maremmano
  • caccia a montaione
  • caccia montaione
  • fagiano
  • cacciare il daino
  • battuta di caccia
  • caccia montaione
  • cani da cinghiale
  • cinghiale abbattuto

 

Caccia dall’altana

 

La caccia dall’Altana si pratica in totale silenzio.
Gli ungulati, sebbene non siano dotati di una vista eccellente, hanno un udito e un olfatto eccezionali, per cui il mimetismo e l’assenza di rumori diventano fondamentali.

Questo tipo di caccia viene praticato da una postazione rialzata “ALTANA” da cui prende il nome, questa struttura si trova ad alcuni metri da terra ed è mimetizzata con la vegetazione del bosco, la posizione viene scelta in base alla frequenza degli avvistamenti che si susseguono nelle vicinanze.
(Vedi anche: Cosa serve per cacciare dall’altana)

caccia dall'altanaLa posizione sopraelevata permette quindi di osservare l’ambiente circostante al nostro appostamento per alcune centinaia di metri in attesa dell’arrivo di un capriolo, di un daino o di un cinghiale, che all’alba oppure nell’ora del tramonto escono dal bosco per mangiare. Nelle ore crepuscolari ( mattina e sera) si hanno avvistamenti più frequenti, anche se in particolari condizioni meteo, gli animali possono essere avvistati nelle ore pomeridiane.

 

Gli animali più comunemente cacciati in Toscana con il metodo della caccia dall’altana sono il cinghiale, il capriolo ed il daino. Il metodo di prelievo è selettivo cioè colui che andrà a cacciare un ungulato dall’altana dovrà  essere in possesso del tesserino di selecontrollore oppure essere accompagnato da una persona provvista di tale abilitazione. Gli abbattimenti dovranno sottostare ad un piano di controllo per specie, sesso e classi di età .

Quando si pratica la caccia dall’altana dobbiamo procurarci una carabina bolt-action ad otturatore manuale oppure basculante in ogni caso a colpo singolo e con cannocchiale dotato di reticolo di collimazione.
La parte più emozionante di questa modalità di caccia è quando viene avvistato il selvatico, allora si deve valutare se rientra o no nel piano di abbattimento, ovvero capire se effettivamente quel capriolo o daino sono il nostro possibile capo di abbattimento.

All’interna dell’ azienda faunistico venatoria di Barbialla ci sono ben 25 altane perfettamente attrezzate chiuse che vi permettono di cacciare anche in condizioni meteo non buone.

 

Print Friendly, PDF & Email